Home Il sano cammino La Parola del giorno 3 maggio – VANGELO (Gv 14,6-14) Da tanto tempo sono con voi...

3 maggio – VANGELO (Gv 14,6-14) Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo?

Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, disse Gesù a Tommaso: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me. Se avete conosciuto me, conoscerete anche il Padre mio: fin da ora lo conoscete e lo avete veduto».
Gli disse Filippo: «Signore, mostraci il Padre e ci basta».
Gli rispose Gesù: «Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me, ha visto il Padre. Come puoi tu dire: “Mostraci il Padre”? Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me? Le parole che io vi dico, non le dico da me stesso; ma il Padre, che rimane in me, compie le sue opere. Credete a me: io sono nel Padre e il Padre è in me. Se non altro, credetelo per le opere stesse.
In verità, in verità io vi dico: chi crede in me, anch’egli compirà le opere che io compio e ne compirà di più grandi di queste, perché io vado al Padre. E qualunque cosa chiederete nel mio nome, la farò, perché il Padre sia glorificato nel Figlio. Se mi chiederete qualche cosa nel mio nome, io la farò».

 

Meditiamo

Casa di Preghiera San Biagio FMA

Come vivere questa Parola?

È importante per un cristiano vero che non si lascia irretire nella superficialità, ascoltare in cuore queste parole che ci rendono persuasi di una verità fondamentale: Gesù è il Verbo di Dio, la seconda persona della Santissima Trinità. E la Trinità – è molto bello ricordarlo – non è imparentata con fredde nozioni algebriche; piuttosto è la sorgente dell’amore, perché le tre Persone Divine sono una cosa sola. Come una splendida fiamma, dove non importano guizzi di fuoco, ma lo splendore caldo e luminoso dell’unica fiamma.

Ecco: prego Gesù? Lui mi porta al Padre. Prego il Padre? Lui mi porta al Gesù del vangelo e dell’Eucaristia.

Signore, che io non indugi mai in possibili momenti di sofferta solitudine. Tu sei con me. E dunque il Padre è pure con me. Lo Spirito Santo è il loro abbraccio di purissimo amore infinito che, se lo chiedo, può afferrarmi interamente per effondere luce e fuoco di pace e d’amore là dove mi chiami a vivere. Dammi, O Trinità beata di vivere con te e in Te.

La voce di una Santa

Non c’è da temere che la mia gioia passi, perché Dio, Trinità d’amore ne è l’unico oggetto ed egli non cambia.

Elisabetta della Trinità

Sr Maria Pia Giudici FMA – info@sanbiagio.org