Home Attualità Esiste oggi la cultura della sana allegria?

Esiste oggi la cultura della sana allegria?

La cultura del riposo, della pausa per rigenerarsi, della sana allegria si è trasformata in trasgressione ovvero del tutto e lecito. Proviamo nuove sensazioni. Così facendo l’uomo spalanca le porte al nemico in agguato che ha un nome “satana”. il disordine origina caos, entropia, la cui entità è dilagante.
Il sano divertimento, una maschera che ci ricorda altri tempi, non si mette in discussione. È il dimenticarsi di ogni regola naturale, umana e civile sulla quale poggia la nostra FEDE che è da evitare assolutamente.
Da ciò discendono due necessità:
– tutti i “non fare” dei Comandamenti servono per la nostra felicità non solo terrena;
-tutte le deviazioni portano infelicità, malessere.
Non solo avvengono fratture di cui la più importante è quella con DIO. Il peccato è un danno contro L’AMORE con effetti catastrofici.
Gli effetti sono visibili sulla salute fisica, l’umore, la mancanza di Pace.
– Con la frattura del rapporto con il nostro CREATORE rinnoviamo la CROCIFISSIONE di Gesù e della Sua e nostra Mamma
Per ripristinare il circuito di AMORE, della GRAZIA con DIO occorre utilizzare i SACRAMENTI e RIPARARE La MISERICORDIA finisce con la morte, poi per chi si salva inizia la PENA eterna (inferno) o transitoria (uno .. cento .. mille anni).
Seguiamo l’esempio della “vecchina” .. disinfestare, pulire, riparare UN GESTO di AMORE verso GESÙ prezioso per Noi e per l’umanità intera.
Preziose le pupille di Gesù le “Piccole Ostie Riparatrici” di don Giuseppe Tomaselli SdB, concertate e nate a seguito di accordo fra l’allora fra’ PIO da Pietrelcina e don Giuseppe Tomaselli.

S. GIUSEPPE CAFASSO E LA VECCHINA CHE RIPARAVA
San Giuseppe Cafasso racconta che un giorno, al mattino molto presto, incontrò per le vie di Torino una vecchietta tutta raccolta. Il Santo si avvicinò e le disse: Come mai, mia buona vecchietta, per la via a quest’ora?
Passo a pulir le strade – rispose la vecchietta. Stupito, il Santo chiese: «Che cosa vuol dire?». Questa notte è stato carnevale, e si sono commessi tanti peccati. Perciò, io passo recitando il Rosario, per purificare le strade da tanti peccati. Bravissima vecchietta! Che dire OGGI delle nostre strade?… Corruzione, scandali, sconcezze sui muri, sulle persone, nei gesti, nelle parole (bestemmie, turpiloquio), nelle canzoni. Non sarebbe oggi, tanto più necessario passare con la corona del Rosario in azione per purificare queste strade del mondo appestate dal sesso? e… non solo !